Bat-Valencia: la querelle con DC Comics per colpa del «pipistrello»

Lascia un commento
Estetica / Europa / Loghi

La città di e di riflesso il Valencià Club de Fútbol hanno da sempre come simbolo un pipistrello, o murcielago nella lingua autoctona. Nel 2014 se ne accorgono gli americani – nello specifico la DC Comics – che, come spesso succede, pensano di avere il diritto di fare causa a una realtà «più piccola», forse sentendosi minacciati dalla presenza del simbolo di sulle maglie e sui prodotti di merchandising della squadra spagnola. La querelle si accentua nel 2018 quando il si appresta a registrare il nuovo marchio in vista del centenario – si, il Valencia nasce nel 1919 mentre l’Uomo Pipistrello solo venti anni più tardi – presso l’Ufficio Europeo per la proprietà intellettuale.

Quando il club ha iniziato ad utilizzarlo come stemma, gli americani ancora andavano a caccia di bisonti.

Si alzano i toni, volano le sedie e la guerra legale continua fino a qualche giorno fa, quando le due parti trovano un accordo: il club potrà continuare a utilizzare il pipistrello (e ci mancherebbe altro! n.d.a.) a patto che non venga associato a «eventuali personaggi fittizi che possano confondersi con Batman».

L’oggetto del contendere

Il di

Le leggende legate alla scelta del come simbolo della città di si legano tutte alla battaglia che Re Giacomo I d’Aragona combatté nel 1238 per liberare la città dal dominio musulmano. La più cara ai valenciani racconta che poco prima di essere attaccati a sorpresa nel bel mezzo della notte dai nemici arabi, i soldati dell’esercito aragonese furono svegliati da un rullare di tamburi causato dal battere delle ali di un entrato nell’accampamento. Questo avvertimento fece sì che gli avversari venissero prontamente scacciati e, come segno di gratitudine nei suoi confronti, una rappresentazione dell’animale fu posta sopra l’elmo di Re Giacomo e sullo scudo reale. Poi, nel 1503 diventò ufficialmente l’emblema della città.

Meno poetica invece la versione che pare più verosimile agli storici: sembra che il fosse in realtà il drago che è presente in molte rappresentazioni, sull’elmo di Re Giacomo I «il Conquistatore» e persino sullo stemma della Generalidad Valenciana. Per un errore di codifica o di interpretazione il drago – simbolo della Corona di Aragona – si è semplicemente trasformato in pipistrello.

Dal drago al il passo è breve

Loghi a confronto

Il pipistrello del Valencià Club de Fútbol invece lo conosciamo tutti. Di seguito la cronologia del della società, rimasto immutato negli anni, se si escludono le differenti stilizzazioni del murcielago e qualche altro piccolo dettaglio.

Na-na na-na na-na na-na… Valenciaaaa!

Per quanto riguarda la controparte cinematografica i loghi si specano e cambiano da film a film, da serie tv a serie tv e anche da fumetto a fumetto col passare degli anni. Li riassumiamo un po’ qua sotto per darne un’idea di massima.

Na-na na-na na-na na-na… Batman!

Pace nel nome di Martha…

Alla fine si è trovato l’accordo. Tutto è bene quel che finisce bene, come dicono i saggi. Nella mia testa però la chiave di volta per sancire la pace fra i due contendenti penso che sia stata questa: Martha.

– Mi madre se llama Martha…
– What did you say? My mom’s name is too!
– ¿Amigos?
– Best friends forever!

Autore

Grafico, di nuovo portiere di calcio e calcio a 5, appassionato di Subbuteo, tifoso viola, semi-giapponese di acquisizione. L'amore per le maglie è una logica conseguenza o la matrice iniziale, visto che è nato parallelamente all'amore per il pallone in seconda elementare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *