Il sole è tramontato sul Giappone

Lascia un commento
Estetica / Maglie / Resto del mondo

Negli ultimi anni Japan aveva lavorato egregiamente, differenziandosi dalle altre produzioni del brand tedesco e proponendo maglie sempre originali, ricercate e soprattutto molto molto belle. Ma con la presentazione della nuova maglia del per il 2020 il sole è decisamente tramontato sul paese che il sole lo avrebbe di natura levante. 

È tutto sbagliato: il simil camouflage, il retro celestino, le cose Adidas rosse…
E non mi interessa che si pubblicizzi con lo slogan 日本晴れ (letteralmente Cielo limpido giapponese, anche se di limpido ha ben poco) e che le macchie si ispirino alle pennellate irregolari di un noto stile pittorico giapponese.
La maglia segue chiaramente la moda sbagliata del momento, più facilmente riconducibile a FIFA20, o a un certo filone di fine millennio che alla tradizione calcistica nipponica.

サッカー日本代表 2020 ユニフォーム コンセプトムービー

サッカー日本代表 2020 ユニフォーム、コンセプトは #日本晴れアディダス ジャパンのコンセプトムービーをご紹介🎥新ホームユニフォーム初着用は #なでしこジャパン==================🏆MS&ADカップ2019📅2019年11月10日(日) 12:45キックオフ(予定)🇯🇵なでしこジャパン🆚南アフリカ女子代表🇿🇦📍福岡/北九州スタジアム✅https://www.jfa.jp/nadeshikojapan/20191110/==================U-22日本代表応援企画、「サッカー日本代表 2020 ユニフォーム」を着用してご来場頂いたお客様に特典をご用意!👉https://www.jfa.jp/national_team/u22_2019/news/00023382/==================🏆キリンチャレンジカップ2019📅2019年11月17日(日)12:50 キックオフ(予定)🇯🇵U-22日本代表🆚U-22コロンビア代表🇨🇴📍広島/エディオンスタジアム広島✅https://www.jfa.jp/national_team/u22_2019/20191117/🏆キリンチャレンジカップ2019📅🇯🇵U-22日本代表🆚対戦国未定📍長崎/トランスコスモススタジアム長崎✅https://www.jfa.jp/national_team/u22_2019/20191228/==================#jfa #daihyo #nadeshiko

Pubblicato da サッカー日本代表 su Mercoledì 6 novembre 2019
Si, tutto bello, molto poetico… ma alla fine È SBAGLIATO.

Mi piacciono gli anni novanta, ci sono cresciuto, ma non è che si può prendere proprio tutto tutto senza un minimo di ritegno. Già quest’anno sono state fatte le prove generali con le divise dei portieri e con quelle pre-gara dei top team legati all’azienda tedesca, dove sicuramente il nuovo discutibile target commerciale ha risposto positivamente presente. Da qui il via libera per lo scempio. 

Quando ad Adidas Japan davi il cinque alto

Come dicevo sopra, fino a dodici mesi fa Adidas Japan aveva lavorato alla grande, proponendo kit originali e ben riusciti. Apice il 2016, dove ad avviso di molti – me compreso avendo acquistato la maglia in quel di Osaka – si riteneva che la maglia di casa del Giappone fosse stata la maglia più bella della stagione. È riproposto il blu scuro di 4 anni prima con sul petto una fine banda orizzontale rossa (rosa o gialla) dalle quali si irradiano – sia sopra che sotto – altre cinque bande di diverso spessore e tono di blu, dal celeste fino al navy per confondersi con la base principale.

Ma anche la maglia usata negli scorsi mondiali era molto interessante, il blu usato era decisamente più simile a quello tradizionale ma era arricchito da pinstripes tratteggiate che prendono ispirazione dalla tradizionale tecnica di punto da ricamo sashiko, con la quale venivano decorati i tessuti trapuntati indossati dai Samurai.

Nel frattempo era stata riproposta in edizione limitata pure una maglia speciale celebrativa dei 20 anni dalla prima storica qualificazione mondiale dove si attualizza l’iconica maglia fiammeggiante di , , , etc.

Interessante anche la differenziazione che Adidas adotta da anni per le tre nazionali nipponiche, inserendo particolari rossi per la nazionale maschile in riferimento all’Hinomaru, il disco solare della bandiera. Per le Japan (la nazionale femminile) invece viene usato il rosa, colore del Garofano Frangiato che in Giappone è preso a simbolo della personificazione della femminilità ideale (Yamato nadeshiko). Alla nazionale di è assegnato il giallo, colore positivo associato alla fertilità, al coraggio, alla bellezza e alla famiglia imperiale. Nel 2012, in occasione dei mondiali in Thailandia, venne convocato il 45enne Kazuyoshi che vestì la maglia palata di giallo per 6 partite.

Conclusione

Avremmo bisogno di un loro intervento per rimettere a posto le cose e riportare il brand sui binari giusti, oggi maldestramente abbandonati per seguire una moda e una clientela sbagliata.

Autore

Grafico, ex portiere di calcio e calcio a 5, appassionato di Subbuteo, tifoso viola, semi-giapponese di acquisizione. L'amore per le maglie è una logica conseguenza o la matrice iniziale, visto che è nato parallelamente all'amore per il pallone in seconda elementare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *